MONICA LA PRIMA GANG CON 4 SINGOLI

Un giorno agl’inizi dissi Monica che mi sarebbe piaciuto vederla tra più uomini. Lei mi disse prima che sono un pazzo ma poi, piano piano ha voluto sapere cosa avevo in mente. Niente le dissi. Ho voglia di vederti tra 4 uomini! “Compreso te?” mi chiese. “No, al momento decidero’….. “Ma sei pazzo? Io non riuscirei a farmi 4 uomini.” Le dissi solo di fidarsi di me e di pensare solo ad un gioco di sesso in 5. Del mio piano non se ne parlò per giorni sino a quando non decisi di telefonare a Maurizio sempre lui il mitico, e chiedergli cosa si poteva organizzare. Dopo alcuni scambi di e-mail, mi disse che un suo cugino e due amici potevano essere gli altri 3. Bene gli dissi, mi faccio vivo per fissare la data. La data la fissiamo sempre noi. Monica vuole deciderla lei, la giornata della trasgressione…è fatta così.

In quelle 2 settimane che ci dividevano dall’incontro, io morii di libidine. Volevo che fosse diverso, speciale, più spinto insomma. Pensare a monica fra tutti quei cazzi turgidi, Con maurizio e altri 3 uomini sconosciuti. Non potevo crederci. Spesso, durante la notte, mi svegliavo e pensavo a quanto sarebbe stato eccitante la nostra orgia.

Quella mattina volli stare vicino a Monica. per vederla truccarsi e vestirsi. “Che vuoi da me?” mi disse un paio di volte e io le risposi che godevo nel vederla prepararsi per andare a fare la puttana, la mia puttana. Era stata dall’estetista il giorno prima. Le sue gambe erano uno schianto. Lo smalto rosso sulle unghie delle mani e dei piedi emanavano una sensualità incredibile. Si vestì con una camicia trasparente nera, sbottonata al punto giusto imagginate il suo seno grosso, e i capezzoli grossi e scuri che sembrava di toccarli, con una gonna corta e due scarpe nere con un tacco a spillo che solo lei sa indossare per farti impazzire!!!! Il reggiseno nero di pizzo taglia 6° e il perizoma abbinato erano uno spettacolo. La nostra città dista circa 45 minuti dalla città del nostro amico e durante il viaggio la vedevo molto nervosa. Parlavamo di tante cose, tranne che di sesso. Dopo circa 10 lunghi minuti non ce la feci più e le dissi di allargare le gambe e di appoggiare i piedi sulla plancia dell’auto. Obbedì immediatamente e finalmente mi toccò i pantaloni nel posto giusto e mi chiamò porco. Avevo il cazzo duro!!! Le chiesi come si sentiva visto che di lì a poco sarebbe stata la maiala di 4 uomini. La sua risposta mi scioccò. Stava al gioco e stava facendo bene la sua parte. “Mi sento come una puttana” mi rispose. Fu la risposta giusta che mi dette la pelle d’oca! In quel momento sorpassammo un TIR e rallentai in prossimità della cabina dell’autista. “Forza, esci il tuo grosso seno e mostralo dal finestrino e fagliele vedere a quel porco”. Si sbottonò la camicia in un attimo e mostrò le tette e la sua fica al camionista fortunato. Lui suonò il clacson per ringraziarci. Era un divertimento pazzesco che ripetemmo con altri 5 o 6 camion. Amo giocare con mia moglie! Infatti mi reputo un uomo fortunato; poter giocare con la donna che si ama in questo modo, è la cosa più bella del mondo.

Maurizio era lì ad aspettarci. Ci salutò con affetto come fa sempre e ci disse che gli altri erano al bar ad aspettarci. Lo seguimmo con la nostra auto. Mentre parcheggiavamo a pochi metri dal bar, mia moglie scorse i 3 che ci aspettavano davanti all’entrata. “Però, non sono niente male” disse. Io ero contento anche perché era importante che soprattutto a lei, piacessero. Il primo (luca) ero alto e aveva la nostra stessa età; il cugino di Maurizio invece (guido) aveva circa 10 anni in meno di noi, e poi (Marco) fisico palestrato e collega di Maurizio, Le presentazioni furono un po’ imbarazzanti ma i 3 nuovi amici erano davvero simpatici e alla mano. Ci sedemmo per un caffé e mentre si parlava di futili argomenti per conoscerci meglio, notai che Luca non riusciva a togliere gli occhi dalle prosperoso seno di Monica. “Che guardi”, gli chiesi. “Mio Dio, che moglie che hai”. Pregai a Monica. di sbottonare il più possibile la camicia e di alzarsi la gonna sino alle mutandine. Non si riuscì più a parlare seriamente da quel momento in poi. Mia moglie eccitò tutti, me soprattutto. Era uno schianto!! Accanto al nostro tavolino c’era un ragazzo sulla trentina che sfogliava il giornale ma era chiaro che era lì soltanto per godersi quel ben di dio!!! Non so se la barista che ci servì notò la situazione ma credo proprio di si. Tre uomini che erano fuori rimasero a chiacchierare fermi davanti alla grande finestra del bar e si notò chiaramente che erano lì solo per godersi la scena Per Monica.

però c’era una sorpresa che io e Maurizio avevamo organizzato. Ci saremmo mossi da lì con una sola auto…. la mia, un comdodo suv 7 posti Io mi sarei seduto alla guida accanto a me Maurizio e mia moglie si sarebbe seduta tra Enzo, Mario e luca dietro sino al B&B che distava circa 10 minuti.Monica non disse nulla, Forse voleva uccidermi ma non lo fece notare. Invece mi sbagliavo. A lei la proposta piacque, tanto che mi spiazzò quando disse con estrema disinvoltura: “ok, allora, andiamo?”

Il primo semaforo distava circa 50 metri dal bar e notai che i 2 avevano già le loro mani nel grosso reggiseno di monica Mi aggiustai lo specchietto per godermi la scena!!! Ad essere sincero non riuscivo a guidare bene. La scena che si stava svolgendo davanti ai miei occhi non la si vede tutti i giorni. Dopo neppure 2 minuti mia moglie appoggiò i suoi sensuali piedi sui sedili anteriori allargando completamente le gambe e mostrando a me e Maurizio lo spettacolo più bello del mondo. Fui sorpreso quando luca baciò mia moglie in bocca per quasi un minuto! Alla troia piacque tanto però; la vidi ribaciarlo ancora e ancora. Il mio cazzo scoppiava!!! Ora erano in due a baciarla e notai che monica aveva già in mano i loro cazzi eretti. Li masturbò per qualche minuto mentre i 2 fortunati palpavano la puttana dappertutto. “Ehi”, disse Maurizio, “Lasciatemene un po’”.

Entrammo nel viale del B&B e parcheggiai l’auto. I tre passeggeri posteriori si ricomposero un pochino e ci avviammo verso la stanza del peccato. La mia mente era in estasi. Non capivo più nulla. Volevo soltanto vedere quella puttana di Monica nuda davanti a questi uomini e soprattutto vederla scopata!!! Il primo iniziò a leccargli la fica sotto la gonna quando mia moglie era ancora in piedi. Che scena eccitante. La toccavano, la palpavano, la baciavano dappertutto. guido le mise una mano sulle chiappe di Monica, e notai il suo dito toccarle il buco del sedere. Mia moglie si piegò e iniziò a leccare il primo cazzo. Iniziò a sentire il primo profumo del pene che a lei piace tanto. La sua lingua leccava come una puttana professionista. Dio….mia moglie che fa la troia con 4 uomini. Il mio sogno si era avverato. Le tolsero tutto prima di adagiarla sul letto. Era uno schianto carnosa e burrosa. Le leccarono la fica a turno e io mi sedetti sulla poltroncina e mi masturbavo. “Sei un porco” mi disse monica, alcune volte. Le risposi che volevo godermi la scena e che li avrei raggiunti di lì a poco.

Una volta sul letto monica, allargò le gambe per farsi leccare. luca la baciava facendole entrare la lingua in gola mentre Maurizio le succhiava i capezzoli ormai ingrossati di quelle tette enormi meravigliose.

Trovai un posto su quel letto del peccato e mi avvicinai all’orecchio di mia moglie e le sussurrai di chiedere a qualcuno di loro di essere scopata. La vollero ancora palpare per un po’; marco le ripeteva che non accade tutti i giorni di vincere la lotteria e che in quel momento si stava godendo il “montepremio”. Passarono circa 10 minuti prima che mia moglie dicesse: “Ora ho bisogno di essere scopata!”

Beh, non capita spesso di trovarsi in un momento così sporco e trasgressivo.

Monica, non prende la pillola ma le orgie le facciamo sempre una settimana dopo le mestruazioni per essere sicuri di non incorrere in qualche “incidente di percorso”. Indossarono contemporaneamente il preservativo e quel porco di guido le chiese il permesso di scoparla per primo. Mia moglie iniziò ad ansimare immediatamente con il cazzo nella fica ormai bagnata mentre gli altri due le riempivano la bocca con i loro cazzi. Ad arnese io non sono messo molto bene, ma luca aveva il pene più grosso di tutti e a Monica, le piaceva e si sentiva!!! La scopò con dolcezza assicurandosi che il cazzo entrasse bene sino in fondo. Maurizio si staccò dalla bocca di Monica, ed iniziò a baciarle e leccarle il piede sinistro; Marco fece la stessa cosa con il destro. Ricordo che se lo mise interamente in bocca e glielo succhiava come un pazzo!

Mi avvicinai a mia moglie e la baciai come non mai; si sentiva l’odore di cazzi che usciva dalla sua bocca. Non riuscivo più a staccare la mia lingua dalla sua. Quell’odore mi fece eccitare da morire, monica poco prima aveva fatto due pompini a due uomini ed io ora facevo entrare nella mia bocca quel sapore di pura trasgressione.

guido iniziava a sudare e perdere colpi, marco decise di farsi avanti e dopo aver gentilmente penetrato quella vagina meravigliosa, iniziò a spingere sempre di più sino ad arrivare ad una scopata che definirei al limite della violenza. Mia moglie è abbastanza silenziosa durante i rapporti ma in quella circostanza iniziò ad emettere dei veri e propri gridi di goduria. Non si possono spiegare queste cose; bisogna essere lì per potersele godere. Abbiamo tutti avuto l’impressione che il letto non ce l’avrebbe fatta! Dopo averla “sbattuta” per parecchi minuti, il nostro amico Maurizio decise di far parte all’orgia che lui stesso aveva organizzato. “Ehi, finalmente sei tu a scoparmi ora!” disse monica ( Maurizio e lo stesso che avete visto in diversi video, la scopa fin da ragazza).

Monica era entrata perfettamente nella parte della puttana in una maniera che neppure io riuscivo a capire. Lo faceva per me o godeva seriamente? Non si poteva fingere, pensai. Luca la scopata troppo bene, Non poteva fare finta di godere.

Notai con piacere che anche gli altri 3 la avevano baciata dopo i bocchini fatti; cavolo pensai, piace anche a loro il sapore del cazzo nella bocca…..

La invitarono a mettersi a carponi sul letto. Ragazzi miei…lo spettacolo di quel culo era da filmare. Si sedette sul cazzo di Maurizio mentre marco iniziò a leccarle il buco del sedere. Maurizio la scopava lentamente e se la baciò per tutto il tempo della scopata. Guido mi chiese se poteva farsi il culo di mia moglie. Gli dissi di chiederglielo direttamente a lei.

A quel punto giunsero le parole che scioccarono un po’ tutti quanti. Mia moglie fece una pausa di qualche secondo, si allontanò dalla bocca di Maurizio e disse:

“Adesso, brutti porci, vi togliete tutti il preservativo. Voglio sentire la carne penetrarmi nella fica. Inoltre voglio la doppia penetrazione nella vagina e se ci riuscite, vorrei un cazzo anche nel culo. Mentre fate tutto questo vi prego di chiamarmi puttana, troia, porca, tutte le volte che vorrete. Mi piace essere chiamata così, disse…e piace anche a quel porco di mio marito”. Per poco non venni ad ascoltare quelle parole. E’ fatta, pensai, questa nostra puttana si sta veramente godendo la festa.

Non appena tolti i preservativi, i cazzi diventarono di ferro!!! Era la prima volta che si scopavano mia moglie senza la protezione di gomma! Maurizio rimase con il cazzo nella fica ed marco iniziò ad entrare lentamente nello stesso buco e ci riuscì. Dalla bocca di Monica. uscì un sensuale AAAHHHHHHH che ci fece arrapare tutti. Guido la interruppe ficcandole il cazzo tra quelle labbra rosse di rossetto che ormai aveva un po’ su tutto il viso. La scena andava filmata ma in quella occasione Maurizio mi consiglio’ di lasciare stare.

“Il culo, per favore, riempitemi il culo!” disse un paio di volte. Non ci fu possibile farlo con il cazzo. Decisi di continuare a leccarglielo per poi allargarglielo con le dita. Fu bellissimo. Mentre mi dedicavo ad allargare il buco del cilone di monica per servirlo a tutti, sentivo il cazzo di un altro uomo che pompava nella sua fica. Adesso i buchi erano tutti occupati!!! Mia moglie, quella puttana di mia moglie, era in estasi!!! Io non ero da meno. Missione compiuta e sogno avverato!

L’orgia ormai, volgeva al termine. Volevamo tutti che durasse per sempre.

“Dove volete sborrare?” domandò Monica. e tutti decisero di venirle sulle grosso seno. Monica non si è fatta mai sborrare nella bocca durante le prime gang, ma io volli andare oltre e le chiesi se fosse possibile se almeno uno di noi le potesse venirle in bocca. “Fate voi” fu la sua risposta.

“Vengo prima io” disse Maurizio che se lo meritava per l’organizzazione

Monica si alzò dal letto e si mise sul tappeto, in ginocchio.

“Vienimi in bocca, Maury” così facciamo contento quel maiale cornuto di mio marito.

Venne in un attimo e la maggior parte dello sperma mancò il bersaglio ma fu sufficiente vedere Monica, ricevere qualche goccia di caldo sperma e leccarsi le labbra per impazzire di goduria!!!!

Con il viso ancora sporco si rimise sul letto e ci invitò ad avvicinarci alle sue grosse tette. “Spruzzatemi tutta” disse. Non appena Marco giunse all’orgasmo mia moglie gli disse “bravo porcone, come vieni bene”. “E voi?” “Forza, cosa aspettate”. Sentivo il mio cazzo scoppiare. Infatti, non appena Guido iniziò a spruzzare la tetta a lui più vicina, Mentre luca invece riempi di sborra la fica tutto il suo succo denso sui peli folti e neri era una spettacolo, io non ne potetti più e sborrai come un pazzo…probabilmente l’orgasmo più bello della mia vita!!!

La mia donna si alzò dal letto con lo sperma che le colava un po’ da tutte le parti e mentre si alzò per andare in bagno con quella sensualità che si ritrova, si girò verso di noi e disse: “Non male….siete stati abbastanza bravi”.

In auto mentre tornavamo a casa, mia moglie con aria distesa mi disse che le sarebbe piaciuto rivivere la stessa esperienza con le stesse simpatiche persone. Ero contento che quella mattinata le era piaciuta. Mi eccitò ancora quel giorno quando disse che subito dopo pranzo le sarebbe piaciuto scopare di nuovo con me. Così fu. Una scopata intensa, piena d’amore che solo la tua donna può darti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *