Mia Moglie Anna al Sabato sera

Siamo di Casale Monferrato e ogni tanto al Sabato sera io e mia moglie con amici andiamo in discoteca ad Alessandra.
Siamo una coppia abbastanza giovanile ma passata la 40ina … siamo una coppia a cui piace bere Vodka e … molta vodka …far serata insomma.
Una sabato sera era il compleanno della sua migliore amica e quindi si sarebbe festeggiato ,bevuto ,bevuto e ancora bevuto….e cosi’ fu..
Eravamo in disco i 4 coppie. Uomini vestiti jeans e camicia e le donne in tiro ma eleganti, Anna poi, a lei piaceva piaceva farsi guardare, aveva un vestitino nero che la fasciava aderentissimo, finiva sul ginocchio e tacchi molto alti e sottilissimi.
Entrammo in discoteca tutti pimpanti, continuavamo a bere, le donne ballavano e facevano le zoccolette che si facevano guardare (a loro piaceva) mentre noi maschi eravamo al bar a bere,parlare e si rideva molto.
Vicino al gruppo delle donne arrivarono un gruppo di ragazzi e iniziarono a ballare con loro … le donne non dissero di essere in compagnia.
Tra loro uno scuro, un capetto spavaldo, giovane ,alto e robusto … lui ballava con Anna… sempre piu’ stretto … sempre piu vicino, bisbigliavano tra loro e ridevano continuamente…questa situazione mi piaceva e mi eccitava…dopo 5 minuti vennero a bere e ilaria si avvicino a me e bisbigliando e ridendo mi disse
La sua mano mi scivolo’ sul mio corpo come cenno di saluto e per caso ando sul mio cazzo … lei sbarro’gli occhi, mi guardo’ e mi disse :
Mi guardo incredula e ubriaca e se ne ando con lui in mezzo alla pista.

Dopo un po’ i nostri amici piano piano andarono via e io rimasi solo su un divanetto a bere mezzo ubriaco.
Anna ballava con lui e con i suoi amici… dopo 5 min arrivo da me per sincerarsi se stavo bene e se volessi andare a casa…(era piu’ ubriaca di me) …si mise a ridere e mi prese in giro per quanto ero ubriaco….io ribatei e la presi in giro e dalla mia bocca usci, non so nemmeno io perche’ : .
Lei divento’ seria e disse :
Si giro’ stizzita, fece due passi, si volto’ e torno’ indietro e mi disse : . Si giro’ e ando’ dal ragazzo…

5 min dopo erano sul divanetto, lui seduto e lei sopra a cavalcioni, stavano limonando appassionatamente…la cosa mi eccitava … volevo alzarmi e andarla a prendere, ma nello stesso tempo volevo vedere fino a dove sarebbe arrivata, si sarebbe spinta… A questo punto, putas porno lei si alzo, si ricompose e ando’ verso il bagno, lui prese da bere e si mise a parlare con gli altri.
Vidi Anna uscire dal bagno, veniva verso di me, io pensai “adesso mi dice di andare via” e invece mi disse:
< tienimi le mutandine… svegliati ! Ti conviene…mi ha gia infilato un dito dentro …vedi un po’ tu !
Torno’ al divanetto, armeggio’ un attimo sui suoi pantaloni e poi si risedette sopra di lui…non capivo cosa avesse fatto…si, avevo capito… gli aveva sbottonato la cerniera dei pantaloni e tirato fuori il cazzo già duro…
Non avrei mai pensato potesse avvenire cio’… ero eccitato di brutto …ma il gioco doveva finire, era troppo adesso…quando…quando … mi arrivo un messaggio nel telefonino. Era un selfie : lei con la faccia da porca , con dietro io che la guardavo con scritto : !
20 minuti dopo arrivo alla macchina e fece l’incazzata, ma si vedeva che era bella bollente …si vedeva….restammo in silenzio fino a casa. Finalmente in camera…cì infilammo nel letto e lei ruppe il silenzio abbracciandomi…e disse : e io : e lei : .
e io : Lei: .
Facemmo l’amore come mai l’abbiamo fatto…le tirai fuori la sborra dal ragazzo con due mie dita che lei le lecco’ e lecco’ ancora … poi misi il mio cazzo dentro quella figa aperta e fradicia di suo e dell’ altro … lei godette come non mai incitandomi a montarla dicendomi : e fini’ cosi’ ….

Alla mattina ci abbracciammo e lei con voce da bambina dispettosa mi disse…

la guardai fissa negli’occhi e capii che quel gioco sarebbe continuato a lungo … era il nostro gioco a noi due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *