Arrivai ancora giovane ma non più illibata

Nostra madre e il nostro patrigno erano morti due giorni prima in un incidente stradale mentre tornavano dalla città dopo aver fatto spese. Erano partiti il giorno precedente perché dovevano visitare un po’ di negozi per trovare quello che era indispensabile per la fattoria. Un non so che cosa per il trattore. Non mi sono mai interessata alla fattoria. La detestavo. Per colpa del nostro patrigno vivevamo sostanzialmente isolati dal resto del mondo. L’unico contatto col mondo esterno era la TV e la piccola scuola, ma i compagni avevano solo terre, raccolti e vacche nel cervello.
Io e i miei due fratelli eravamo diversi. Non ci piaceva restare qui, ma per colpa dell’accordo di divorzio firmato anni addietro dai nostri genitori eravamo stati affidati alla mamma. E papà se ne andò in California.
Comunque c’era già stato il funerale, e mamma e Wyatt erano stati sepolti nel cimitero comunale, in tutta fretta e senza altri presenti se non i cittadini della nostra piccola comunità rurale affacciata sul lago Michigan. 300 anime, neonati compresi.
Avevamo affittato il terreno e la casa, e venduto gli a****li ai nostri vicini. E se poi l’avessero voluto comprare, avevamo dato l’incarico all’unica banca cittadina di gestire la vendita.
L’unica cosa che mi dispiaceva davvero era lasciare Derrick, il mio cavallo. Passavo interi pomeriggi a cavallo nella prateria. Ma non potevo attraversare gli States con il cavallo appresso. Nostro padre viveva in città e non c’era posto per un cavallo nel giardino di casa.
La sola cosa che so per certo di mio padre è che non si è mai risposato e che lavora nel settore cinematografico. Come una buona parte degli abitanti della zona di Los Angeles. Avevamo solo lui, ora.
Così, Rick acquistò a poco prezzo un furgone chiuso, lo caricammo di tutte le nostre cose e partimmo.
Richard, Rick è il mio fratello maggiore e Matthew, Matt, è il mio fratello minore. E io Annie, sono quella che sta nel mezzo.
— Mi sto annoiando a morte — dissi dopo due ore di viaggio. E ne avevamo ancora un bel po’ davanti… Quattro giorni di viaggio stimati, prendendocela comoda anche cinque o sei.
La nostra destinazione è Burbank, nella San Fernando Valley, a 4000 km di distanza da quello che era stato il nostro mondo. Papà lo sapeva che stavamo arrivando e ci stava aspettando. Ha detto anche che ci sarebbe stata una sorpresa per noi, quando saremmo arrivati.
Contavamo di fare all’incirca mille km al giorno, alternandoci alla guida del furgone e fermandoci solo per mangiare e dormire.
— Io conosco un bel modo per passare il tempo — disse Matt sorridendo.
— Già… lo immagino — risposi al mio fratellino segaiolo, noto per le sue attività sessuali.
— E che c’è di male? È divertente!
Per conto mio (e non ditelo a nessuno, eh…) ero ancora vergine. Avevo succhiato il cazzo di due miei compagni di scuola, ma nulla di più. I miei compagni erano tutti degli sfigati… non valeva neanche la pena di impegnarsi con nessuno di loro. Perciò mi ero astenuta dal frequentare i maschi.
— Sì, vabbè… sarà anche divertente, ma…
— Ma, cosa? Sei mia sorella? E allora? Chi se ne fotte. Basta che ci divertiamo, no? — rispose Matt con una mano appoggiata sul suo inguine. — Io non lo dico a nessuno. E tu? Vuoi fare la spia?
— Ehi! finitela, voi due — disse Rick esasperato.
Poi per fortuna, ritornò il silenzio.
E mi annoiai ancora. Appoggiai la testa sulla spalla di Rick, che stava ancora guidando e mi appisolai.
Mi svegliai all’improvviso al rumore di un fortissimo tuono. Mi hanno sempre spaventata i fulmini e i tuoni. Chiesi a Rick se potevamo fermarci in un motel per dormire la notte. Non mi andava di dormire nel furgone con quella specie di diluvio. Tra l’altro ero anche affamata…
Ci fermammo alla prima indicazione di un modesto motel sulla statale che stavamo percorrendo già da diverse ore. Il locandiere non fece domande e ci diede una stanza. Dal furgone presi solo il necessario per la notte e per cambiarmi domattina.
La stanza era piccolissima, c’era solo un letto matrimoniale ed una branda pieghevole. Presi per me la branda e lasciai il letto ai miei fratelli.
In un attimo di tregua del temporale Rick uscì e comprò da mangiare alla tavola calda dall’altro lato della strada. Andammo a letto presto perché eravamo tutti stanchi.
Ma durante la notte il temporale riprese vigore e s**tenò fulmini a tutto spiano. Un fulmine cadde vicino, facendo calare il buio sulla zona.
Immediatamente mi fiondai nel letto assieme ai miei fratelli. Me ne fregavo della decenza. Non me ne sarei rimasta a dormire su un letto fatto di metallo nel bel mezzo di un mega temporale…
Mi aggrappai a Rick e cercai di riaddormentarmi.
Non ci riuscivo… avevo troppa paura. Rick si accorse che tremavo e mi abbracciò teneramente. Anche a casa non faceva mai storie quando, di notte, mi infilavo nel suo letto durante i temporali. Solo tra le sue braccia mi sentivo al sicuro da tutto e mi addormentai poco dopo.
Mi risvegliai la mattina dopo, ancora tra le sue braccia. E anche tra le braccia di Matt. C’era un groviglio di gambe e braccia sotto le lenzuola. Non so come ma mi ritrovai una gamba di Matt tra le mie, che si poggiava sopra il cavallo degli slip, il suo pene in erezione che premeva con decisione sul mio sedere e una sua mano sul mio basso ventre.
Il mio grosso seno nudo era appoggiato sul torace di Rick assieme alla mia mano. La maglia si era arrotolata ed era scivolata sotto le ascelle.
Una mano di Rick copriva la mia, intrecciata delicatamente le dita con le mie, e l’altra mi accarezzava dolcemente le spalle.
— Ben svegliata, tesoro… — mi disse Rick, quando si accorse che ero sveglia.
— Buon giorno anche a te… — risposi senza aprire gli occhi.
Non c’era mai stato imbarazzo tra noi fratelli. Siamo molto uniti.
Sentii le labbra di Rick che mi baciavano la fronte.
— Hai dormito bene? — mi chiese ansioso.
— Sì… Lo sai che hai il potere di calmarmi in ogni occasione… — dissi ancora assonnata. — Che ore sono?
Rick lasciò la mia mano, allungandosi per prendere il cellulare. — Sono le sei e un quarto. È ancora presto.
Annuii distrattamente.
Poco dopo sentii la mia schiena inumidirsi.
— Cazzo… Matt è venuto… — sussurrai a Rick, che si mise a ridacchiare.
Sentivo il suo torace scuotersi sotto la mia guancia.
— Lo conosciamo bene nostro fratello, no? Non si lascia mai scappare un’occasione…
Poi successe una cosa inaspettata. Rick mi prese per il sedere e mi trascinò sopra la sua pancia. Mi abbracciò di nuovo, più strettamente, questa volta.
Sentivo il suo pene ingrossarsi sotto di me che premeva sul mio clitoride.
Mi sentivo stranamente accaldata ed eccitata all’idea che mio fratello si stesse masturbando sotto di me. Inconsciamente presi a strusciarmi contro di lui. Mi tolse la maglietta.
Rick ansimava tra i miei capelli, mentre con una mano mi premeva il bacino contro di sé e l’altra mi teneva stretta per le spalle. Sentivo i miei capezzoli che sfregavano duri contro il suo torace. Anche io stavo quasi per venire.
Rick aumentò il ritmo, mentre la sua mano si infilò nelle mie mutandine accarezzandomi il sedere.
Cominciai a sentire le contrazioni sempre più ravvicinate che preludevano il mio orgasmo.
Anche il respiro di Rick si fece più pesante, fino a quando mi strinse forte contro di sé. Venne subito dopo, bagnandomi la pancia col suo sperma.
Mi tenne ferma così fino a che il suo respiro si calmò.
— Grazie amore — mi sussurrò all’orecchio, poi.
— Rick… perché l’hai fatto? — chiesi, più che altro curiosa. Ero ancora sdraiata sopra di lui.
— Non so… era il momento… mi sembrava giusto così…
Anche lui non aveva risposte.
Mi tolsi da lui e mi sdraiai sul materasso, ma ancora tra le sue braccia. Mi riaddormentai.
Mi svegliai che erano le nove passate. Rick e Matt dormivano ancora.
Fuori pioveva forte, di nuovo. Accesi la TV su un notiziario locale. C’era allerta tornado e consigliavano di non mettersi in viaggio.
Scrollai Rick per svegliarlo.
— Rick… Rick… c’è allerta tornado! Che facciamo ora?
— Eh! Che c’è? — risponde assonnato.
— Ho detto che c’è allerta tornado! Che facciamo?
— Che domande! Ce ne restiamo qua fino a quando passa. Lasciami dormire, adesso.
Si gira dall’altro lato e si riaddormenta.
Non so se alzarmi o restare ancora a letto. Tanto non saremmo andati da nessuna parte…
Ero ancora lì a pensarci, che Matt mi tirò a sé, appoggiandosi alla mia schiena. Era ancora eccitato. Lo sentivo duro contro il mio sedere. Mi mise una mano sul seno, strusciando rudemente il palmo sui capezzoli, ma non passò molto tempo prima che bagnasse di nuovo la mia schiena col suo sperma.
Perfetto!!!! Adesso ero io ad essere eccitata! Presi a toccarmi, ma fu una ben magra consolazione.
Mi alzai e andai a fare la doccia.
Avevo quasi finito, quando entrò Rick a fare pipì. Poi aprì la porta della doccia ed entrò assieme a me. Non disse una parola. Mi guardò a lungo, facendo scorrere lo sguardo su tutto il mio corpo. I suoi occhi si fissarono sui miei seni sodi e turgidi (merito delle lunghe cavalcate che facevo), con le areole raggrinzite ed i capezzoli sporgenti. Distolsi un momento gli occhi dal suo viso per guardare verso il basso. Era già eccitato. Il suo cazzo puntava dritto verso l’alto. La sua cappella era rossa per l’eccitazione.
Si avvicinò, mi prese tra le braccia e mi baciò. Era come affamato, sembrava quasi volesse mangiarmi, o forse era solo desiderio di possedermi. Si piegò un po’ e prese in bocca uno dei capezzoli, succhiando con forza, fino a lasciarmi i segni dei denti.
Mi spinse contro il muro. La sua bocca tornò sulla mia e una mano scese alla mia fica. Dopo aver stuzzicato rudemente il clitoride, entrò con due dita.
Quando si accorse che ero ancora vergine si fermò di colpo, esterrefatto.
— Sei ancora vergine… — mi disse con voce roca dall’emozione.
Non avevo ancora ritrovato la mia, perciò annuii.
— Sei una brava bambina… sei rimasta vergine per me… dillo che è così… Vero? Non è vero che vuoi che sia io il tuo primo uomo? Che sarò io quello che si prenderà la tua verginità?
— Sì, è vero… Voglio che sia tu, Rick.
Rick mi abbracciò di nuovo, baciandomi con delicatezza, questa volta.
— Allora lo faremo come si deve… Per prima cosa bisogna sbarazzarsi di Matt per qualche ora. Non voglio del pubblico per quello che faremo. Riesci a res****re ancora per un po’?
Annuii.
— Bene allora vado a svegliare Matt e gli dico di andarsene, di trovarsi una donna per il resto del giorno. Voglio godere a lungo di te… Tu finisci la doccia e poi aspettami a letto.
Poi Rick uscì dalla doccia, si mise l’accappatoio e tornò in camera.
Li sentii confabulare un po’, ma con la porta chiusa non riuscii a capire tutto quello che si dicevano.
Finii di asciugarmi e presi il phon. Con la spazzola li tirai per bene fino a che furono asciutti.
Mi tolsi l’accappatoio, tornai in camera e mi stesi a letto. Matt non c’era più. Osservai Rick camminare avanti e indietro per la camera, sembrava ansioso e teso. Mi diede un veloce bacio e poi tornò in bagno. Sentii scorrere l’acqua ma ci rimase poco.
Uscì dal bagno senza l’accappatoio, con l’uccello già dritto, e si sdraiò accanto a me.
— Annie, puoi ancora tirarti indietro se lo vuoi. Non devo essere per forza io. Non ti forzerò se non mi desideri.
Mi misi a sedere sui talloni.
— Rick… al momento non sono sicura di niente. Sono solo nervosa. Ma lo faremo. Voglio… devi essere tu… il mio primo rag… uomo. Voglio solo te.
Rick allungò una mano sul mio viso, accarezzandomi la guancia. Lentamente scese sulla spalla, fermandosi a coppia sul seno. Il suo palmo non riusciva a contenere il mio grosso seno.
— Matt non starà via per molto. Ha detto che ti vuole anche lui, che ha gli stessi diritti che ho io. Se lo fai con me, lo devi fare anche con lui.
Mi morsi il labbro. Non me lo aspettavo. Se questo doveva essere il prezzo per avere Rick, mi stava più che bene. Feci spallucce.
— Va bene allora.
Mi tirò a sé, baciandomi dolcemente. Le sue mani presero a scorrere sulla mia schiena, insistendo sul sedere.
Mi misi a cavalcioni sopra la sua pancia. Il suo cazzo sfiorava la mia fica, come a chiedere il permesso di entrare. Prese a leccare le mie grosse tette, sode e turgide. I capezzoli erano duri per l’eccitazione. Ne imboccò uno e prese a succhiarlo, schiacciando il capezzolo contro il palato, mungendolo.
Sentivo la mia testa ovattata, preda dell’emozione, come ubriaca.
Mi mise sotto di lui, mi aprì le gambe piegandomi le ginocchia, e diresse il cazzo tra le labbra della fica. Col cazzo in mano, lo fece scorrere per tutta la sua lunghezza, bagnandolo coi miei umori. Lo posizionò all’ingresso della vagina e cominciò a spingere leggermente.
Lo sentivo farsi largo pian piano dentro di me, risalendo poco per volta, allargando le pareti vaginali al suo passaggio. Lo sentii premere sull’imene. Si fermò. Restando dentro si sollevò sulle braccia, appoggiando i palmi delle mani sul materasso ed entrò tutto con un colpo deciso, sfondando la sottile barriera.
Non sentii affatto dolore. Strinsi le cosce ai suoi fianchi, non volevo che uscisse, incitandolo a spingere sempre più a fondo.
— Ah… … dai… non ti fermare… spingilo tutto dentro…
Dopo un momento di esitazione incominciò a muoversi dentro di me con un movimento deciso e intenso. Affondò tutto il suo uccello, lo estrasse con calma per poi infilarlo in fondo di nuovo. Cominciò a martellarle la fica e la posizione gli permise di arrivare in fondo ad ogni spinta.
Chiavava lento, mi baciava sussurrando dolci parole. Diceva che mi amava e che dovevo essere la sua donna, che non mi avrebbe diviso con nessuno, che non voleva che Matt mi avesse. Ero sua e di nessun altro. Nessun altro mi avrà mai…
Ma sapevo che non era la verità… doveva dividermi con Matt. Glielo aveva promesso.
Venni una prima volta… La testa mi girava… tremai. Mi fece impazzire di desiderio, gli graffiai la schiena, urlai senza sosta un orgasmo dietro l’altro fin quasi a svenire dall’intenso piacere.
Mi fece mettere sopra di lui. Lo sentivo dentro tutto, fin quasi allo stomaco, mi tolse il respiro, il fiato mi morì in gola, restando a bocca aperta. A ogni movimento sentii che lui entrava sempre più in profondità. Alzò le mani, afferrando i miei seni e strinse i capezzoli fra le dita, un misto dolore e piacere che stordisce.
Mi distende di lato, penetrandomi da dietro. Lo sentii sfondarmi con decisione, con movimenti molto veloci.
— Lo sai che sto godendo molto? E’ bello scopare, non l’avrei mai pensato, piace anche a te? — gli chiesi.
— Sì amore mio, mi piace tantissimo e tu sei bellissima.
— Oh sì, continua così, sfondami, ah, com’è bello farsi chiavare. Ti amo.
— Anche io ti amo piccola mia.
Rick continuò a martellare la mia fica per quasi venti minuti, poi sentii che mi stava montando l’ennesimo orgasmo. Avvertii le contrazioni dei muscoli vaginali che stringevano il cazzo. Istintivamente incrociai le gambe attorno alla sua schiena, mentre scivolava dentro e fuori da me.
— Tra un po’ sborro. Ti avviso subito che ti vengo dentro — disse ansimando.
Anche Rick era al limite.
— Non mi interessa. Devi essere tu il mio primo uomo — risposi.
Prese a chiavarmi con foga. Ansimai sempre più rapidamente. Rick accelerò le spinte, sul punto di venire.
All’improvviso Rick mi strinse forte a sé, inarcando leggermente la schiena, arpionando il cazzo in profondità.
— Ecco… ecco… vengo… sì… vengo… sborro… …ah… ora … amore… VENGO!… ora… sì… vengo!… vengo… Sì… ora!!!!! … Annie… sborro!… sì… cazzo… come vengo!!!… Ti riempio… Sì…
Con una copiosa sborrata, svuotò i testicoli nella mia fica, poi si lasciò cadere sopra di me.
— È proprio bello restare in questo bel calduccio e voglio gustarmelo tutto — disse mentre si riprendeva.
Rivoli di sperma traboccavano dalla fica sporcando il lenzuolo.
Lasciammo che i nostri respiri si calmassero. Poi uscì. Quando si tolse da me, il suo cazzo era lucido di umori, ricoperto da una schiumetta bianca venata di rosso.
Ci abbracciammo stretti uno all’altro. Continuava ad accarezzarmi dolcemente e non smise mai di baciarmi ovunque. Si mise ancora a succhiarmi i capezzoli, come se lo stessi allattando. Ho già detto che le mie tette sono belle grosse (porto una quarta) e sotto il suo stimolo le sentivo quasi indurirsi.
Il suo cazzo riprese vigore, sollevandosi sotto i miei occhi. Rick mi entrò dentro, per scoparmi di nuovo.
Era dentro da neanche cinque minuti che Matt bussò alla porta chiedendo di farlo entrare.
— Vattene Matt — urlò Rick.
— Non se ne parla. Me lo hai promesso! — rispose a tono Matt.
Entrambi eravamo molto eccitati, ma controvoglia si tolse da me per aprire la porta. Matt entrò di volata, chiudendo la porta dietro di sé. Si sedette sulla brandina, osservandoci.
Rick si stese di nuovo al mio fianco, rientrò subito nella mia fica ed iniziò a stantuffare più velocemente possibile. Dopo pochi minuti di una corsa forsennata, mi sparò dentro ancora una dose di sperma.
— È tutta tua — infastidito, lasciando il posto al fratello.
Matt si svestì rapidamente. Il suo cazzo svettava già. È più piccolo di quello di Rick.
Mi fece mettere in ginocchio sul letto, a quattro zampe. Avvicinò il cazzo alla fica e lo mise dentro in un solo colpo.
— Ah… ma come sei bagnata, troietta… Sei zuppa… — continuava a dire Matt mentre col suo cazzo mi pompava rapido. — È fradicia di umori… uhm!!!… come è bagnata!!! sì… dio… come scivola bene il mio cazzo nella tua fica…
Ero ancora alla pecorina e Rick si stese sotto di me, si mise in bocca un capezzolo che pendeva e sbatteva al ritmo delle sferzate del fratello. Con una mano mi massaggiò il clitoride per farmi venire più rapidamente, mentre Matt sfilava il cazzo dalla fica e per poi rientrare per sentire il colpo della cappella sulla bocca dell’utero… dentro… fuori… dentro… fuori… stava impazzendo di piacere… Matt continuava a scoparmi violentemente la fica.
— Ah, sì, favoloso. Sì, ti riempio, sì…
Ogni volta che Matt arrivava sul fondo sentivo che un po’ dello sperma di Rick ancora dentro di me, veniva spinto fuori e mi colava sulle cosce. Ma il restante veniva risucchiato dalle contrazioni dell’utero.
Matt venne quasi subito e mi riempì anche lui col suo sperma. Si tolse solo quando il cazzo rimpicciolì e si sdraiò al mio fianco. Avevo goduto, ma non come con Rick.
— Lo sapevo che ti piace essere scopata… Sei una macchina da sesso… — esclamò Matt.

Per tutto il giorno e la notte scopammo assieme, alternandosi tra loro.
Ma ogni volta che toccava a Matt, Rick era sempre più infastidito. Riusciva a malapena a tollerare il fratello, come fosse un male necessario per avere me. Me ne accorgevo dal suo sguardo, vedevo il suo dolore. E allora lo baciavo, come se ne dipendesse la mia vita. Solo allora lo sentivo rilassarsi abbastanza da res****re ancora.
La mattina dopo ero stanca. Avevo dormito ben poco e Rick era teso come una corda di violino. Non potevo lasciarlo guidare in quelle condizioni. Così ebbi un’idea.
Avremmo messo il materasso della brandina nel vano del furgone. C’era solo da spostare qualche s**tolone per avere abbastanza spazio.
Dopo aver saldato il conto del motel e sistemato il furgone, lasciammo guidare Matt.
Io e Rick ci sdraiammo su quel letto improvvisato.
Quella mattina avevo indossato solo un prendisole, abbottonato sul davanti e che consentiva ampi spazi di “manovre”, senza niente sotto. Né mutandine, né reggiseno.
Poco prima di sdraiarsi Rick si tolse i jeans, facendo uscire il suo bel cazzo ancora in tiro, dallo spacco degli slip. Mi sollevò il vestito da dietro, abbastanza da impalarsi nella mia fica.
Rimanemmo in quella posizione per parecchio tempo, senza fare null’altro che sonnecchiare. Alla fine Rick si addormentò.
Solo allora Matt mi chiese — Lo ami? E lui ti ama?
— Sì, con tutta l’anima — risposi. — A entrambe le domande.
— Ho capito, sorellina. Tu sei sua. Non ti prenderò più, allora.
— Grazie — sussurrai felice. — Ne sarà contento anche lui.

Ogni sera ci fermavamo nei motel a dormire e ripartivamo la mattina successiva. Passavo buona parte della notte a chiavare con Rick, che ora non doveva più dividermi col fratello.
L’unica cosa che faceva Matt era di masturbarsi alla vista di noi due che scopavamo.
Dopo sei lunghi giorni di viaggio arrivai ancora giovane ma non più illibata…

Ah! La volete sapere la sorpresa di papà?
La sua casa era una enorme villa spagnola a due piani, qualcosa come dieci stanze da letto, l’immancabile piscina, contornata da tre giovani donne nude, e agenti di sicurezza privata ai cancelli.
Si era fatto un nome nel settore cinematografico ed aveva sfondato, prima come attore e poi come regista di film… pornografici.

Quello che si dice: stesso padre, stessi figli…
Papà ci accolse con una gioia incredibile. Aveva preparato tre stanze per noi, ma ne servivano solo due. Una per me e Rick e una per Matt.
Matt spariva per ore con le ragazze.
Poi un pomeriggio, vedendo come ero vestita, papà mi portò a fare spese. Rick venne con noi.
Saremmo andati nelle boutique di Beverly Hills. Papà sborsò senza battere ciglio qualcosa come trentamila dollari per i miei vestiti. Mi sembrava di essere una di quelle ragazze snob di “Gossip Girl” che impazzava in tv. Rick naturalmente espresse la sua opinione su ogni capo che provavo, soprattutto per la biancheria intima.
Anche Rick comprò qualche vestito. Soprattutto jeans firmati e camicie.

Papà ci propose di partecipare ai suoi film, come comparse per iniziare.
Tutti e tre accettammo raggianti. Ci pensò papà ad insegnarci tutto quello che serviva sapere. Papà si dedicò soprattutto a me. Disse che avevo un fisico perfetto, quando mi vide nuda in piscina.
Mentre si avvicinava si spogliò e si vide subito che era già eccitato. Mi chiese di segarlo. Il fatto, poi, che stavo già scopando con Rick non lo turbò per niente. Anzi, prese una minicamera e ci filmò, dando suggerimenti per le posizioni. Dopo che Rick, come al solito, mi sborrò dentro, papà gli suggerì che prima di uscire da me doveva allargarmi un po’ la fica, per far vedere lo sperma che colava, restando ancora dentro di me.
— Oh, sì… è eccezionale questa posa — facendo un primo piano tra le nostre gambe. — Si vede molto bene lo sperma che cola dalla tua fica, tesoro mio… Mooolto eccitante…
Poi, quando mi chiese che cosa usavo come anticoncezionale, sono rimasi di sasso. Non mi ero mai preoccupata di questo…
— Papà… beh, vedi… io… io… non uso niente… — gli rispose impacciata.
— Oh, fa nulla. Vorrà dire che continuerai fino a che non sarai gravida e partorirai. Ho intenzione di filmarti per tutta la tua gravidanza. Voglio fare una serie di film mentre scopi incinta di tuo fratello. Il titolo sarà “Guarda come sborro, sorellina” o forse “Adesso sborro, sorellina”.
— Davvero papà? — dissi eccitata. — Sarò la protagonista?
— Sì tesoro. Ma ci vorrà tempo. Comunque, sono sicuro che, vista la tua giovane età, resterai incinta molto presto… Tesoro, adesso girati e solleva il sedere. Forza, Rick adesso fallo da dietro. Mettiti in ginocchio ed ora… — spostandosi di lato — ficcaglielo dentro con forza e poi esci subito. Fallo diverse volte… Ah… siete magnifici… Sì, Rick continua così… Amore, gemi un po’ più a voce alta… fatti sentire che stai godendo…
Rick ci mise tutto il suo impegno, voleva fare una bella figura. Voleva che nostro padre fosse orgoglioso di lui per come chiavava sua sorella, ovvero me.
Papà continuò a darci indicazioni su come procedere ed ancora Rick mi venne dentro. Chiese a Rick di togliersi subito, mentre papà mi filmava la fica dilatata con lo sperma che colava giù sul lettino.
— Amore, adesso prendigli in bocca il cazzo e pulisciglielo — mi disse papà.
Ed io, da brava bambina, ubbidii, inginocchiandomi davanti al cazzo di Rick.
Non mi diede tempo di finire che sentii papà entrarmi dentro. È molto più grosso rispetto a Rick e già il solo fatto di essere entrato, quasi ebbi un orgasmo.
Mi chiavò a lungo, facendomi cambiare diverse posizioni. Aveva ancora la telecamera in mano. Qualche volta chiese a Rick di filmare lui, indicandogli come doveva fare. E poi mi sborrò sulla pancia.
— Perfetto… continuate pure a divertirvi, ora. Vado a lavorare sul filmato.

Per conto mio ero davvero eccitata all’idea di fare dei film mentre scopavo con mio fratello. Non era recitare se lo facevo con lui. Amo Rick con tutta l’anima e spero che resti davvero incinta di lui. È il mio sogno più recondito dargli un figlio.
Farlo con Matt o con papà è diverso. Con loro è solo sesso. Ma Rick, farlo con lui, è fare l’amore…

Nessuno di noi tre andava a lavorare, per cui l’unica cosa che facevamo durante il giorno era scopare. Naturalmente io e Rick, e Matt con le tre ragazze.
In quei mesi papà stava girando un film e Matt comparve per la prima volta come comparsa. Era ambientato in una palestra. Matt doveva solo restare immobile mentre la protagonista gli faceva un pompino, mentre faceva finta di tenere sollevato un bilanciere che era agganciato sulle apposite staffe.

Io e Rick, invece, restavamo a casa, il più delle volte nella nostra camera. Era grande e ariosa, con un grande letto a baldacchino, un fantastico materasso, duro abbastanza per le nostre acrobazie, e zanzariere sui lati anche se c’era il climatizzatore acceso. La stanza era arredata con toni chiarissimi, quasi bianchi.
Sapevamo che papà aveva fatto mettere delle microcamere su ciascun pilastro del baldacchino e che tutto veniva registrato. Ma eravamo solo felici di questo perché eravamo i protagonisti del nostro film. Ci bastava solo amarci per essere felici e contavamo sulla bravura di papà nel montare nel modo corretto i filmati.

Papà aveva ragione su una cosa. Rick fece il suo dovere alla perfezione e in men che non si dica mi ritrovai incinta.
Eravamo arrivati da meno di un mese ed ero già gravida.
Rick era al settimo cielo.
Matt se ne fregava, perché tanto sapeva che non era suo.
Papà era contento perché poteva fare quel suo progetto. La figlia incinta che scopava col fratello, padre del bambino. Ovviamente nessuno avrebbe saputo niente della parentela. Si trattava solo di inventare dei nomi d’arte.

Come promesso, papà si dedicò a me, insegnandomi come godere e in che modo far godere Rick. Il film che si stava creando coi nostri amplessi era destinato solo ad essere distribuito sul web e veniva pubblicato con cadenza mensile. Così si notava la mia pancia che cresceva.
Papà mi portò da un medico di fiducia per le visite. Era il medico che papà aveva assunto per le attrici dei suoi film.
Ovviamente era un ginecologo, specializzato anche nelle malattie a trasmissione sessuale. Il dottor Anderson, così si chiama, venne messo al corrente della natura i****tuosa della gravidanza. Non si scandalizzò per niente.
Evidentemente il fatto di lavorare per l’industria del sesso cinematografico lo aveva abituato ad ogni sorte di sorpresa. Mi prescrisse l’amniocentesi solo per verificare l’assenza di problemi cromosomici.
Il risultato fu negativo ed il sesso risultò essere di un maschio ed una femmina. Avrei avuto due gemelli.
La mia pancia cresceva e Rick era sempre attento ai miei desideri. Non si staccava mai da me. E fare l’amore con lui era sempre grandioso.
Quando si avvicinò il momento del parto, io e Rick ci trasferimmo in un albergo nelle vicinanze della clinica ostetrica.
Il giorno prima del termine venni ricoverata per un controllo generale e rimasi in clinica fino al momento del parto, che avvenne due giorni dopo.
Rick non si allontanò mai dal mio fianco. La clinica non era un ospedale normale. Le camere private avevano un letto matrimoniale e solo durante il parto sarei stata trasferita nell’area clinica.
Il travaglio ebbe inizio la mattina presto e all’incirca dopo sei ore nacque Nathan. La sorellina Christine nacque venti minuti dopo. Sui certificati di nascita dei bambini, alla voce paternità, dissi “Richard Wright”.
Volevo che mio fratello entrasse nella vita dei suoi figli legalmente. Anche se, sono certa, nessuno avrebbe indagato sulla nostra parentela. Non in quell’ospedale, non in una città grande come lo è Burbank.

Papà ebbe l’autorizzazione ad entrare per filmare il parto. Fece tutto lui con la stessa minicamera che aveva usato più volte. Filmò tutto nei dettagli. Ci avrebbe pensato poi a montare il filmato prima di pubblicarlo. Certo non c’era niente di sessuale in ciò, ma era la giusta fine della serie.

Tornammo a casa dopo dieci giorni, giusto il tempo di riprendermi dai postumi del parto.
A casa la nursery era già pronta, con tanto di giovane babysitter diplomata (poco più vecchia di me). Arrivava la mattina verso le sei e se ne andava la sera dopo le otto.
Durante quelle ore avevo solo da allattare i bambini, perché papà aveva assunto anche un personal trainer per farmi riprendere la forma fisica di nove mesi prima. Durante la gravidanza, il dottor Anderson mi aveva seguita con attenzione ed ero ingrassata poco. Solo i chili fisiologici, per cui ritornai in forma dopo neanche due mesi.
Il dottor Anderson mi prescrisse la pillola, per evitare altre gravidanze. Rick non era molto d’accordo, perché voleva altri figli. Ma per quello ci sarebbe stato tempo.

A tre mesi dal parto partecipai per la prima volta ad un film porno. Come protagonista. Periodo: metà Ottocento. Ero la figlia primogenita di un conte ed eravamo stati rapiti da dei briganti. Il conte veniva costretto ad ass****re mentre sua moglie e sua figlia (io) venivano violentate. Poi, una volta pagato il ris**tto, eravamo stati liberati. Ma io ormai ero senza onore e non potevo più essere maritata. La moglie cadde in depressione e si chiuse nelle sue stanze. Il conte iniziò a frequentare la mia camera ogni sera. E ogni volta si accoppiava con me diverse volte. Da questa relazione poi era nato un bambino che facevo finta di allattare. Non appena il conte mi entrava dentro, dai capezzoli iniziava a colare latte. E allora lui me li leccava di gusto, tanto che facevo finta di lamentarmi che ne rimaneva poco per il bambino. Ogni volta finiva che il conte mi veniva dentro, come fossi sua moglie.
Questa era la trama del film. L’attore che interpretava il conte era un uomo sui 40 anni, ed era davvero molto bravo. Mi faceva godere sul serio, non c’era nulla di finto negli orgasmi che avevo.

Partecipai ad altri due film, poi chiesi a papà di smettere. Non mi andava più. Volevo solo stare con Rick.
Smisi di prendere la pillola e dopo tre mesi rimasi incinta di nuovo. Era passato solo un anno dalla nascita dei gemelli.

Avevo 27 anni e avevo già partorito per cinque volte i figli di Rick.
Venne assunta una nuova babysitter perché l’altra divenne la moglie di Matt. Lui sì che divenne una nuova star dei film di papà. Aveva il talento, la resistenza ed il fisico giusto.
Rick, invece, si occupava della parte organizzativa e finanziaria dell’azienda di famiglia ed io lo aiutavo.
Ma la mia occupazione preferita era farmi mettere incinta da mio fratello…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *